Hostess o non Hostess, questo è il problema

Hostess
Hostess o non hostess, questo è il problema

Una studentessa che “tira su” qualche soldino, una “casalinga disperata” con gli occhi tristi, una disoccupata che “tampona” la sua lunga ricerca di lavoro. Donne rispettabili e piene di dignità, non professioniste, che per qualche ora della loro vita rappresenteranno “al loro meglio” un brand di caffè, cioccolata, crema per il corpo, salumi, pasta, shampoo, liquore, birra…

Creare attività con promoter all’interno dei Punto Vendita è un lavoro impegnativo e delicato e deve tener conto in maniera precisa e puntuale del “fattore umano” e del costo relativo. Attività di degustazione e assaggio hanno la necessità di buone promoter e il loro successo dipende in grande percentuale da questo. Attività di sampling o gifting, se pensate in modo diverso, possono farne anche a meno.

La domanda non è “hostess o… non hostess?”, la domanda è “come posso comunicare al meglio sul punto vendita?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like