Materiale POP: definizione e tipologie

Materiale POP
Materiale POP: definizione e tipologie
ll Materiale POP è uno strumento di Marketing molto utilizzato, per via della sua capacità di generare il cosiddetto “acquisto d’impulso.

Sappiamo come non tutti gli acquisti vengono “pianificati”. Può succedere di entrare in un negozio con l’intento di acquistare qualcosa, ed essere poi attirati da qualcos’altro. In questo contesto assume un ruolo decisivo il materiale POP. Vediamo meglio di cosa si tratta e quali sono tutte le sue varianti.

Materiale POP

A testimonianza del fatto che gli espositori hanno una notevole influenza sulle decisioni d’acquisto dei consumatori, una ricerca ha dimostrato come oltre il 70% delle decisioni di acquisto avvengono proprio nei punti vendita e, il 60% di queste, è riconducibile proprio ai materiali POP.

Riuscire a catturare l’attenzione dei consumatori quando il prodotto che desideri vendere è posto tra tanti altri prodotti capaci di soddisfare lo stesso bisogno, intuitivamente può essere un notevole vantaggio competitivo che porterà ad un inevitabile incremento delle vendite. Ma cos’è esattamente questo strumento di Marketing? P.O.P. è l’acronimo di Point of Purchase, ossia il punto d’acquisto. Si tratta di un articolo in materiale durevole, o non durevole, che ha la capacità di evidenziare le caratteristiche di un brand e di migliorarne la sua visibilità agli occhi dei consumatori.

Comunicazione nel punto vendita

I Materiali POP hanno risentito in misura minore della crisi nel settore degli investimenti, per via del loro notevole e positivo rapporto costi/benefici. La crisi, infatti, ha interessato maggiormente le campagne pubblicitarie più impegnative e costose. Il Materiale POP può rappresentare una chiave fondamentale per colpire i consumatori sotto il punto di vista emozionale, andando ad incrementare la probabilità che avvenga il cosiddetto “acquisto d’impulso”.

LEGGI ANCHE: 3 segreti per una comunicazione visiva efficace.

L’obiettivo dei materiali POP, infatti, è produrre quella comunicazione visiva talmente forte da innescare al potenziale acquirente un’esperienza che ricorderà anche al di fuori del negozio. Si tratta di un’esposizione strategica del prodotto che porta al raggiungimento di una maggior visibilità per il prodotto stesso e per il brand. Migliorare la conoscenza del marchio tramite questa comunicazione emozionale e visiva è lo scopo primario di questo strumento di marketing mai del tutto tramontato.

Tipologie

Sappiamo come esistano svariate tipologie di Materiali POP, tutte idonee ad aumentare le vendite innescando nei consumatori il cosiddetto “acquisto d’impulso”, andando quindi a lavorare sullo stato emozionale dei potenziali acquirenti. Innanzitutto è possibile distinguere i materiali pop in display (posti sullo scaffale) e non display (es. espositori da terra). Vediamo le tipologie più utilizzate:

Al fine di produrre materiali davvero funzionali è fondamentale studiare il punto vendita nel quale dovranno essere utilizzati. La scelta di una posizione strategica parte, infatti, dallo studio e dall’analisi del negozio in modo da rendere il prodotto riconoscibile e visibile agli occhi dei consumatori. Altro fattore è il tipo di comunicazione che si desidera utilizzare per promuovere un prodotto, andando a selezionare il formato più adatto al target di riferimento. Ogni decisione avrà un impatto medio/alto sull’andamento della strategia di marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like