Buzz Marketing, come agiscono blogger e influencer

buzz marketing

Nell’ambito del Buzz Marketing, un ruolo chiave sembrano avercelo i blogger e gli influencer. Come si comportano in questi casi?

Buzz Marketing

Abbiamo già parlato del Buzz Marketing, andandolo a definire nel dettaglio. Abbiamo visto come l’elemento della “viralità” sia assolutamente fondamentale affinché esso funzioni. Non tutti sanno, però, che un ruolo chiave sembra giocarlo il blogger o l’influencer. I blogger e gli influencer sono ormai conosciutissimi sul web e spesso effettuano pubblicità di ogni genere a brand o marchi tra i più disparati.

Attirare l’attenzione è il passo fondamentale affinché le campagne di buzz marketing funzionino. Queste non fanno altro che creare, appunto, il “buzz”, cioè il chiacchiericcio ed il passaparola. Spesso, ricordiamo come il buzz marketing sia anche una questione di azzeccare i tempi. Il tempismo è molto importante, per riuscire ad inserirsi nel flusso di argomenti di giornata.

Ecco che rivolgersi alle persone giuste può essere una mossa vincente. Certamente non è affatto facile cercare di capire da dove può originarsi il passaparola ed in che modo esso avvenga. In termini di facilità di propagazione di un messaggio, però, possiamo appunto rivolgersi agli influencer, oltre che agli opinion leader o a dei trend setter. E’ necessario, infatti, rivolgersi a coloro che, dal punto di vista dell’adozione della novità, non sono altro che innovatori. In questo modo si va ad aumentare le possibilità che il proprio messaggio abbia una grandissima diffusione ed una buona visibilità, potendo così raggiugere una certa massa critica.

Ma perché il buzz marketing funziona attraverso l’intercessione degli influencer? Le persone che rientrano nella categoria “influencer” hanno molte presenze online e ampi seguiti su tanti social media, come Twitter, Instagram oppure Facebook. Hanno, quindi, moltissima influenza in ambito di follower. Le opinioni di queste persone vengono notate più facilmente e, tutto ciò, si va a tradurre in un effetto positivo sulle vendite, ma anche sulla conoscenza del prodotto stesso. I marketer non fanno altro che cercare di radunare queste persone per creare interesse nei loro prodotti.

Esempi di Buzz Marketing sono le aziende che creano vide online, cercando di suscitare scalpore e convincere la gente a parlarne anche attraverso i social media, aumentando le visualizzazioni sui siti come YouTube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like